SANITÀ «Giusta l´idea di rinegoziare i project financing»

Inserito in Ultime notizie

SANITÀ «Giusta l´idea di rinegoziare i project financing»

La proposta del Presidente della Regione Zaia di rinegoziare i project financing in sanità deve essere accolta con favore e messa in pratica. Personalmente fin dal primo progetto di finanza in sanità (nel 2002 la ristrutturazione degli ospedali di Castelfranco e Montebelluna) e poi sui progetti dell´Ospedale all´Angelo di Mestre e dell´Ospedale di Santorso ho combattuto contro una modalità di costruire ospedali che ha costituito e costituisce fonte di affari e laute remunerazioni per il privato e drenaggio di risorse della sanità pubblica che sono sottratte alle cure e all´assistenza dei malati. I project di quegli Ospedali sono stati voluti dalle Ulss rispettive e dai Sindaci del territorio nonostante fossero tutti stati allarmati sulle conseguenze devastanti degli interventi sulla finanza pubblica.
Ora il Presidente Zaia prende il coro per le corna e svela (come avevo innumerevoli volte denunciato) il punto negativo centrale dei project ( al di là degli aspetti riguardanti la programmazione regionale e le scelte del territorio): il canone di disponibilità (cioè il canone di affitto che le Ulss pagano per utilizzare il “loro” ospedale per tutta la durata dei project che va dai 24 anni di Santorso ai 27 di Castelfranco-Montebelluna ai 29 di Mestre), ammonta per i tre Ospedali a circa 32 milioni di euro all´anno che moltiplicato per la durata del contratto comporta ad esempio per l´Ospedale di Mestre un onere finanziario ( di solo affitto e remunerazione per l´investimento dei concessionari) di euro 410 milioni. Se si considera che a Mestre i privati hanno investito per costruire l´Ospedale circa 125 milioni di euro si capisce subito che la rinegoziazione sarebbe oltremodo vantaggiosa e dovrebbe consistere nel riacquisto dell´Ospedale da parte della Regione con i fondi BEI restituendo ai privati, con gli interessi, le somme da loro investite. Mi auguro che il Presidente Zaia blocchi la pratica insana del ricorso al project financing per la costruzione di ospedali e promuova una legge regionale per la rinegoziazione dei progetti in corso, per evitare l´agonia della sanità pubblica.

Claudio Rizzato

Il Giornale di Vicenza, mercoledì 13 novembre 2013 LETTERE, pagina 54