Salvaguardia dell’occupazione alla Salvagnini Italia S.p.A. di Sarego (Vicenza): cosa fa la Regione?

Inserito in Interrogazioni

Indice articoli

Premesso che:

-          l’azienda Salvagnini Italia S.p.A. di Sarego, leader mondiale nella lavorazione in alta tecnologia della lamiera, ha comunicato di voler metter in mobilità 144 dei 598 dipendenti con alte qualifiche professionali; 

-          l’azienda ha respinto la proposta dei lavoratori e dei loro rappresentanti di stipulare contratti di solidarietà;

-          l’azienda ha chiesto il taglio del premio fisso aziendale di circa 100 euro mensili che ad oggi ha contribuito a sostenere i lavoratori, compresi quelli in Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria, e il taglio dell’indennità di trasferta, già non indicizzato al costo della vita da otto anni;

-          l’Azienda ha rifiutato altresì la concertazione di un piano strategico per la produzione;

tutto ciò premesso, il sottoscritto Consigliere Regionale
chiede alla Giunta Regionale e all’Assessore al Lavoro

-          quali azioni intende mettere in atto per salvaguardare l’occupazione dei lavoratori e delle lavoratrici della Salvagnini Italia S.p.A. ed evitare una situazione di estremo disagio per le loro famiglie;

-     se intende promuovere con urgenza l’apertura di un tavolo di confronto tra le parti per tutelare l’occupazione in una provincia sempre più colpita dalla crisi economica in atto e per evitare la perdita di figure professionali di alto livello e qualità così importanti per la nostra provincia e per la nostra regione.